[Romeo e Giulietta] L’insonne

Titolo: L’insonne
Fandom: Romeo e Giulietta
Personaggi: Romeo Montecchi, Giulietta Capuleti
Parte: 1/1
Rating: PG13
Conteggio Parole: 524 (LibreOffice)
Note: what if

L’insonne

Stirò tutta la giovane magrezza del suo corpo con deliziata lentezza, scostandosi i lunghi capelli dal viso, scacciando via il torpore che formicolava sotto la pelle in ogni angolo della carne, per poi volgersi a guardare il volto addormentato di suo marito sotto la stoffa leggera delle loro lenzuola. Il candido marmo del suo incarnato restava mollemente intento in un’espressione di assopita rilassatezza. Sorrise: i suoi tentativi di destarlo sarebbero valsi nulla dinanzi alla ciclopica mole del suo sonno.
Toccò il suolo di pietra con i piedi nudi e avanzò a passi leggeri, ma desistette nel rammentare la mancanza di uno specchio – storse le labbra in una smorfia e illuminò la sala accendendo alcune delle torce. Con un sospiro, si sedette sul bordo di un ampio cassone e, ispezionandosi le punte dell’infinita capigliatura corvina, vi passò le dita nel tentativo di pettinarla. Qualcuno dei suoi capelli le rimase avvolto attorno alle dita, e lei lo allontanò passando i palmi sulla tunica di lino. Appoggiò la testa contro la colonna dietro di sé e sbatté le ciglia per stornare la nebbia del sonno che aleggiava persistentemente sulla sua vista, ma ben presto si arrese – pareva proprio che l’impresa fosse troppo per lei. Ciononostante, rimanendo a testa alta, riusciva a distinguere il soffitto con incredibile nitore. Ciò che scorse non le piacque: la polvere e le ragnatele che si erano annidate nei suoi anfratti le davano conferma che la servitù non lavorava a dovere. Occhieggiò in direzione del marito dormiente con un rimbrotto in punta di labbra, ma decise di non sprecar fiato: non esiste peggior sordo di chi non vuol sentire, e le sue parole in particolare sarebbero andate a vuoto anche se lui fosse stato sveglio – nutriva una premurosa indulgenza verso i servi, e lei era sempre costretta ad accertarsi che non lo gabbassero.
Ed ecco a cosa portava tutta questa sua mollezza! Nessuno si destava mai ad usarle qualche favore, nemmeno per gentilezza. Avrebbe voluto vedere quella sala tirata a lucido, e avrebbe voluto decorarla con fiori di campo.
Avrebbe voluto vedere i raggi del sole.
Scacciò la tenue ruga di malinconia che le aveva increspato la fronte e fece subito ritorno a lui. Chinatasi sul suo riposo beato, accarezzò devotamente i ciuffi che gli ricadevano sulle palpebre.
«Pelandrone… per quanto ancora sei intenzionato a dormire così saporitamente?» rise, accostando un bacio giocoso sulla sua tempia e stropicciandosi gli occhi in un gesto insonnolito a sua volta.
Non si era accorta che anche Tebaldo si era svegliato, e che la fissava con aria immusonita senza muoversi, disapprovando le sue innocenti tenerezze di sposa con occhiate di nero fuoco. Quando si avvide della sua presenza, lei si voltò, indirizzandogli un caldo sorriso a mo’di ammenda. Vedendosi rispondere con una smorfia sardonica, il suo umore si guastò – imbronciata, Giulietta tornò a cacciarsi sotto il sudario che divideva con Romeo, vinta dal tanto familiare torpore che le aveva rapito i suoi quattordici anni.
E subito la sua anima s’involò così com’era arrivata, lasciando al gelido riposo del sepolcro le proprie membra grigie e scarnite, sul cui cranio non rimaneva che qualche rado pelo eroso dal tempo.

~

A/N 24 agosto 2008, ore 2:44. Mi è venuta in mente in bagno un’oretta fa (ma anche meno) mentre mi arrovellavo su come non sforare oltre le quindici pagine con la storia che sto scrivendo da più di un mese per la Seconda Sfida dell’Anonima Autori. E questa è venuta uno sputo, praticamente in un lampo! Mi sento inspiegabilmente incazzata XD ma sono discretamente fiera di questa piccola sciocchezza… più fantasma di questo XD!
Juuhachi Go.

EDIT: mi ero dimenticata che i fantasmi non c’entrano una cippa col tutto, e mi odio XD.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!