[Final Fantasy XII] The highest leaves

Titolo: The highest leaves
Fandom: Final Fantasy XII
Personaggi: Ashelia B’Nargin Dalmasca, Rasler Heios Nabradia, Basch von Rosenburg
Parte: 1/1
Rating: G
Conteggio Parole: 100 (LibreOffice)
Note: per Mimosa Yellow @ il fu Criticoni

Sulle assi ormai marce del Bosco di Salika non crescono più ginestre.
Da bambino – ero già sua moglie, allora – mi prendeva per mano, senza darmi nemmeno il tempo di intravederla, Nabradia.
Lasciavamo Nabudis correndo, le mie gonne sui solidi pontili della foresta, sulla resina appesa al fogliame. In fondo a quel groviglio silvestre, mi accostavo alla luce del suo riso orgoglioso, quando caracollava ansante nella verzura.
Sorridevo anche io: infinite ginestre, lì, scintillavano felici.
«Dorate come il deserto» diceva sempre. Io annuivo – aveva ragione.
Gli adulti la chiamavano speranza, allora.
E io, oggi, stringo la mano di Basch sperando che abbiano ragione.

[8/3/2009 – 3:04. Un’ora di labor limae XD per l’iniziativa Mimosa Yellow di Criticoni – checché voi possiate dirne, giuro che c’è meno Basch/Ashe di quel che credete: semplicemente, lei a livello inconscio adulta non si sente, sarà che nonostante tutto è un po’ sperduta e piccina e presa in una cosa più grossa di lei… e Basch è l’unico punto fermo adulto e proteggi-principesse che le sia rimasto, che la leghi a Rasler e al suo passato… E poi, la sta spingendo in avanti. è__e. Ju~]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!