[Final Fantasy XII] Malia

Titolo: Malia
Fandom: Final Fantasy XII
Personaggi: Ashelia B’Nargin Dalmasca, Al-Cid Margrace
Parte: 1/1
Rating: G
Conteggio Parole: 700 (LibreOffice)
Note: per la Kink Week @ fanfic_italia, e regalo di compleanno per lisachan!

Malia
[Kink Week @ fanfic_italia #5 – Drag]

They’re gathered in circles
the lamps light their faces
The crescent moon rocks in the sky
The poets of drumming
keep heartbeats suspended
The smoke swirls up and then it dies
(Loreena McKennitt – Marrakesh Night Market)

«Perché?»
Al-Cid rimira con una certa soddisfazione il suo operato, intrecciando l’ultimo nastro rosso che chiude strettamente la rigida casacca a collo alto che ha scelto per Ashe.
«Vedrete presto, mia cara» mormora, con consumata aria di mistero. La regina di Dalmasca inclina un sopracciglio da sotto all’ampio cappello ricamato, e ha appena il tempo di lanciare una rapida occhiata alla sua figura nello specchio.
Un’accollata giacca di velluto verdognolo, tempestata di gemme, è stata chiusa con un nastro rosso incrociato saldamente nelle asole, come un corsetto, mentre le sue larghe falde trapunte adombrano le gambe avvolte in leggeri pantaloni di seta.
Il copricapo che Al-Cid le ha fatto indossare scherma il suo viso dal riverbero lieve della luna, e rischia di volare via dalla propria postazione quando il nobiluomo la tira per mano attraverso le tende.
Senza rendersene pienamente conto, Ashe è già in strada, trascinata dal saldo calore delle sue dita, nella caligine argentata della sabbia che si solleva al passaggio di carri e chocobo.
Non avrebbe mai pensato che Rozaria fosse così fervidamente attiva, sotto le stelle.
Intuendo la sua meraviglia, Al-Cid ride sotto i baffi.
«Questa è una serata speciale. Si festeggia il trattato di pace» e continua a condurla fra i mille tendaggi colorati delle bancarelle, nella scia tiepida e profumata di dolci e lanterne, un caleidoscopio così vivace che Ashe non sa dove voltare prima il capo.
«Che nesso ha tutto questo col fatto che vi siate divertito a vestirmi come un principe?» borbotta la regina, ancora abbastanza incredula di aver davvero ceduto all’adulazione galante dei suoi sorrisi.
«Ci sono cose che le donne di Rozaria non possono osare, Maestà…» ridacchia, aiutandola a sgusciare in un passaggio particolarmente angusto fra due bancarelle, in mezzo a matrone che veleggiano drappeggiate in ampi sari, circondate da frotte di bambini dagli occhi grandi.
Stavolta, la fragranza che si spande fra i presenti è inebriante, sensuale – Ashe riconosce le sottili volute azzurre dell’incenso che disegna ricami nell’aria, ma per il suo accompagnatore lo spettacolo non è abbastanza interessante: il ricciolo di profumi si sfilaccia nel vento della loro corsa.
Quando la regina sbatte le ciglia, Al-Cid l’ha condotta sotto l’ala del tendone più dimesso di tutto il mercato, e se ne sta spalla a spalla contro di lei, indicandola all’uomo dietro il bancone.
L’uomo la fissa con cisposo sospetto, ma la penombra e gli abiti larghi non gli permettono di scorgere in lei una donna.
In un dialetto locale che deve essere tragicamente stretto, sembra chiedere rassicurazioni, ma l’estenuante eloquenza di Al-Cid sembra avere la meglio quando, trionfante, costui riesce a spingersi di nuovo con lei fra i mille visi del mercato, nei riflessi blu della notte.
È un po’ delusa, lei, quando vede una fiala in equilibrio fra il pollice e l’indice del suo illustre accompagnatore.
«Per un attimo ho davvero temuto mi trascinaste alla ricerca di qualche tesoro perduto» ride brevemente.
Al-Cid la osserva con aria di mendace sufficienza, prima di stappare la fiala e intingervi appena un polpastrello.
Senza sapere esattamente perché, Ashe arrossisce sotto la protezione del cappello, quando Al-Cid fa scivolare quel dito sul proprio sorriso.
«Si dice che, secoli fa, gli dèi abbiano donato al più bel principe di Rozaria un miele così dolce che la dea dell’amore si innamorò di lui al solo sentirne il profumo spirare dalle sue labbra» narra in un sussurro, appena chino su di lei «e che la dea, per timore che le donne mortali potessero imitare il suo espediente, ribaltandolo, per usurparle il trono, abbia permesso solo agli uomini della famiglia reale di coglierlo…»
«Oh» respira lei, imbarazzata, col timore che, a muovere di più le labbra, possa toccare quelle di lui. Registra a malapena che l’uomo le ha schiuso il palmo della mano per appoggiarvi la piccola conquista della serata.
«Ma io temo che la dea sia stata in errore, mia cara… e questo è il mio regalo per voi…» sorride, intrecciando le dita alle sue e intrufolando il volto sotto l’ombra del cappello, le labbra che accarezzano le sue imbrigliandole in un riso gentile.
«Lunga vita a Dalmasca, Lady Ashe.»
La fiala scivola fra i nastri scarlatti, e Rozaria non ha mai scottato così.

~

A/N 22 marzo 2009, ore 3:35. In ritardo sia per la vecchissima kink week di fanfic_italia che per il compleanno della liz, ma tant è ♥. Ispirata in mezz’ora al tema “Drag”, senza premeditazione alcuna, aww.

Juuhachi Go.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!