[Magic Knight Rayearth] Shrinking

Titolo: Shrinking
Fandom: Magic Knight Rayearth
Personaggi: Emeraude, Zagato
Parte: 1/1
Rating: PG13
Conteggio Parole: 2151 (LibreOffice)
Note: spoiler sul finale, per un prompt di 52flavours e terza classificata al ventisettesimo concorso dell’EFP.

SHRINKING
37. The heart of your gesture

Dicevo che il suono del clavicembalo mi aiutava a focalizzarmi sulle mie preghiere, che ogni nota suonata su quello strumento aveva il potere di ricordarmi di ogni singolo filo di erba di Cephiro.
Mentivo.
Forse provavo anche un certo gusto nel farlo, e quell’ago di colpevolezza accuratamente piantato in fondo al mio cuore poteva fare ben poco contro di esso.
Il mio maestro – te ne ricorderai anche tu, non è vero? – era un attempato musicista dal ventre grosso e il volto rubizzo ornato da due folti mustacchi grigi, indulgente e indubbiamente dotato per l’insegnamento.
Prendeva le mie mani per posizionarle sui tasti.
E io guardavo te.
Quando ero sicura che tutti gli sguardi fossero fissi altrove, e che solo il tuo lo fosse su di me.
E speravo sempre che tu potessi riconoscerti in ogni tremula nota che sgusciava fuori dalle mie dita, quando sapevo che ogni fiore che aveva smesso di sbocciare era colpa mia.
Eppure riuscivo anche a non sentirmi schiacciata da questa consapevolezza, dato che nessuno sapeva che stessi suonando per te.
Come ho fatto, mi chiedo.

~*~

La forza dell’amore di Emeraude – se ne rese conto quella mattina in cui si accorse di aver dormito con la camicia da notte a rovescio – derivava dal fatto che le sue spesse, folli radici affondavano in Zagato senza una ragione.
Alle grandi domande pseudo-filosofiche che si era posta sul problema non esistevano risposte, né tantomeno filosofie da cui attingerne qualcuna.
C’era solo Zagato, e i suoi lunghi capelli neri, e i suoi impenetrabili occhi color ametista, velati da qualcosa che i suoi paramenti scuri e incrostati di opali sembravano appesantire.
E il suo sorriso, comprensivo e velato di una malinconia senza ragione, e senza sbocco.
Mai una volta Emeraude l’aveva visto perdere la propria usuale dolcezza. Addirittura, la patina di vetusta saggezza che riusciva ad applicare su di essa lo rendeva maestoso e imperscrutabile.
Pregavano insieme, sempre.
Un giorno lui le aveva sfiorato le mani e le aveva chiesto se fosse felice.
Lei non aveva risposto. Non direttamente.
Non era la sua felicità a premerle, né quella di Cephiro, il che era un tradimento troppo grande perché Emeraude potesse perdonarlo.
Aveva un’indole incredibilmente misericordiosa.
E la tendenza ad escludere se stessa da questo perdono.
Arrivavano le nuvole, quando si rinchiudeva a piangere nella sua stanza. Col tempo, Emeraude si accorse, con orrore, di non riuscire più a dominarle. C’erano giorni in cui più tentava di ostacolare le lacrime, sfregandole via con le mani, e più quelle cadevano con dispettosa insistenza, deformando i suoi pensieri come vetro bollente, mentre il cielo di Cephiro diventava livido come un bambino geloso di un cuore di cui non era il fulcro. Non più, almeno.
Addirittura, infuriava un temporale il giorno in cui Zagato le disse di amarla.
Difficile dimenticare il modo in cui il petto prese ad alzarsi e abbassarsi al ritmo di quell’eccitazione obnubilante.
A dispetto di quella felicità, sentiva le lacrime caderle lungo le guance.
«Hai idea di quel che succederà a questo mondo, Zagato?».
Non l’aveva detto con la calma che avrebbe voluto adottare, con la soave serenità del Pilastro.
Come avrebbe potuto, del resto?

~*~

Avevo un’ancella che impastava per me piccole formine di marzapane, per tingerle con dello sciroppo di frutta e spolverarle di zucchero a velo.
Non eri goloso – non eri assolutamente niente, a dire il vero -, ma ero riuscita a comprendere quanto adorassi quei dolcetti morbidi e colorati.
Ti costrinsi a prendere il the in mia compagnia tutti i pomeriggi.
Ricordi come scostavo la scodella dal tuo lato del tavolo?
Quando lo vedevi, sorridevi appena, sollevando fra le dita la perfetta, luccicante miniatura di un’arancia.
Sorridevo anch’io, nel modo più limpido e dolce possibile, perché nessuno potesse vedere che era amore.
L’unico amore che ero ancora in grado di provare.

~*~

Zagato non parlava molto.
Non più del necessario. Sembrava aiutarla nei suoi doveri con tenace solerzia, e, quando le rivolgeva la parola, era di un tale conforto che Emeraude sentiva finalmente qualcuno vicino al suo cuore, qualcuno che sorreggesse insieme a lei il peso di Cephiro, in mezzo al caloroso vortice di affetto che la avvolgeva all’interno del castello.
Per quanto Emeraude amasse con trasporto e tenerezza ogni singolo abitante del suo mondo, e fosse immensamente grata nei confronti della sua Corte, Zagato era l’unico a comprendere quanto quell’onere si fosse fatto pesante sul suo petto.
Talvolta osservava i suoi occhi. Sembrava compiangessero le sue piccole spalle.
Si precipitava al suo fianco, ravvolgendola nel suo mantello, quando la vedeva crollare esausta per la troppa energia impiegata, sussurrandole qualcosa che le restituisse la forza di mantenere in moto il pesante ingranaggio di Cephiro. Qualcosa che la facesse ridere, che instillasse nel suo cuore speranza, e felicità, che rendesse forti le sue spalle.
Ed Emeraude riusciva a sentirsi davvero bene.
Finché non si rese conto che solo le parole piene di fiducia di Zagato erano in grado di sostenere la sua forza.
Un giorno, mentre passeggiavano, il sole cominciò a svanire dietro sbuffi di nuvole argentate.
Eppure Emeraude rideva, nonostante qualcosa le bisbigliasse che non avrebbe dovuto, perché non era per Cephiro, e forse nemmeno per se stessa.
Era contenta che Zagato sorridesse insieme a lei.

~*~

Quel riso prese a spuntare spesso anche quando Emeraude si ritrovava sola nel lussuoso grembo dei propri appartamenti. Era un velo di gaiezza vago e immotivato, e lei non si chiese mai perché si stendesse su ogni suo pensiero, e rendesse il cielo di un grigio sempre più pesante, solido come velluto.
Ma anche la vacua spensieratezza si stiracchiò in un’espressione diversa, desolata, quando le passeggiate in compagnia di Zagato si fecero sempre più lunghe, e Emeraude prese a sentirsi sola in sua assenza.
Sempre più spesso il suo pensiero volò involontariamente a lui, a cosa stesse facendo, pensando, a cosa lo trattenesse ancora lontano dalla sala in cui solevano riunirsi in preghiera.
Un pomeriggio le parve di intravedere i suoi occhi nel riflesso scintillante di una vetrata, mentre guardava distrattamente le chiome di un albero che si tingevano d’oro.
Fece chiamare un paggio perché convocasse il Sommo Sacerdote in tutta fretta. Nessuno dei due disobbedì: un boccheggiante Zagato giunse subito al suo cospetto.
In silenzio, si sedette al suo fianco e giunse le mani in preghiera, fissando le foglie secche che si dondolavano in equilibrio precario sui rami di quell’albero nel giardino.
Emeraude sobbalzò nel momento in cui sentì la pressione gentile delle mani di lui sulle sue.
«Emeraude, voi… siete felice?».
Lei rimase in silenzio, rivolta alla finestra. Prese un sospiro, prima di voltarsi verso di lui.
«E voi lo siete?» chiese a sua volta, con un sorriso triste.
«Credo di sì.».
«Bene.».
Fece finta di non notare la lacrima che le era scivolata lungo una guancia.

~*~

«Piove?».
La voce di Zagato tradiva sincera sorpresa.
«Già.».
Emeraude attorcigliava un dito in una ciocca di capelli con aria contrita.
«Siete sicura di sentirvi bene? Mi sembrate pallida.».
«Non datevi pensiero, è solo un leggero mal di testa. Mi impedisce di concentrarmi.».
«Sciocchezze, non è la vostra mancanza di concentrazione a preoccuparmi. Avete il volto bianco come un cencio e gli occhi tutti rossi, permettete che vi riaccompagni nelle vostre stanze.».
«Non disturbatevi, io—».
«È un piacere esservi d’aiuto.».

~*~

Ci fu un momento, durante la mia vita, in cui la stessa forza di volontà che teneva in vita il mio pianeta mi distrusse.
Sentii un’ondata di repulsione verso me stessa la mattina in cui mi svegliai in quel mio letto troppo grande e carico di trine, con indosso una camicia da notte che avevo distrattamente infilato con le cuciture verso l’esterno e i capelli che mi ricadevano addosso in un manto disordinato.
Mi ero svegliata di soprassalto, con gli occhi spalancati su una certezza sola.
Non vi era motivo perché io amassi Zagato.
E questa mancanza non me lo impediva affatto.
Per un attimo, rese estraneo tutto quel che mi circondava, ed ebbi la sensazione che il cielo e la terra, là fuori, stessero brontolando.

~*~

Decisi di offrirti le piccole cose.
Di lasciarti sgattaiolare nel mio gesto più inutile, e di dedicarti ogni stupida piccolezza con minuziosa precisione.
Credevo che non sarei stata colpevole, se nessuno avesse visto.
Ma sbagliavo.
E lo sapevo.

~*~

Un giorno lo vide, lì in giardino. Parlava con Lantis, che se ne stava beatamente appollaiato sui rami di un albero.
«… credi sia giusto che ogni responsabilità gravi solo e soltanto sulle spalle del Pilastro?».
Appoggiata a una colonna, Emeraude si sentì spaventosamente preda dei battiti del proprio cuore che risuonavano ovunque come pesanti rintocchi sanguigni.
Un giorno avrebbero sommerso tutto, fino all’ultimo brandello, se non li avesse fermati.

~*~

Zagato la inseguì.
Lungo il colonnato, nell’atrio, su per la scalinata immensa che le avrebbe permesso di sprangarsi dietro l’ingresso alle sue stanze, senza possibilità di sentire una parola di più, senza voler sapere altro.
E ricordò il suo sguardo, sempre triste.
Le venne in mente il suo stesso sorriso.
E Cephiro rimase fuori da tutto questo, di nuovo, senza potervi più fare ritorno.
Solo un gradino, e forse avrebbe potuto tentare un’ultima preghiera, un’ultima—
La mano di Zagato si chiuse sul suo polso.
«Non voglio che scappiate da me.».
«E io non voglio che lo vogliate!».
Piangeva. Grosse lacrime rotolavano sulle guance delicate.
«Non ponetemi la vostra volontà come avversaria, non potrei mai attraversarla…».
«Vi sbagliate!».
L’aveva gridato in un singhiozzo che aveva scosso tutto il suo corpo come un terremoto.
La pioggia batteva con violenza sui vetri delle finestre, ora.
Era così piena di lui che Cephiro intero sarebbe scoppiato in mille pezzi senza che Emeraude se ne fosse curata.
«Lo so.».
«No, no!» Emeraude nascose il viso fra le mani. Zagato gliele scostò dal viso e aprì le porte dietro di lei, sorreggendo la sua vita evanescente fra le mani.
L’ingresso si richiuse con un tonfo.
«Io ti amo!».

~*~

Le sciocchezze con cui cercavo di coprirmi smisero di bastare.

~*~

Emeraude si aggrappò a lui mentre gli ultimi echi di quella frase vorticavano nelle sue orecchie.
«Non posso più stare a guardare; non posso più guardarti mentre paghi la salvezza di un mondo intero con la tua felicità!».
Senza lasciarlo andare, Emeraude si scostò quel tanto che le bastava per scorgere il suo viso. Gli spostò una ciocca di capelli dietro l’orecchio.
«Ho cominciato a sentirmi felice perché tu lo sembravi, mi servivo di una cosa più minuscola dell’altra perché tu lo fossi.».
Indietreggiò piano, incrociando le mani in grembo.
«Ma è stato abbastanza perché tu diventassi la mia preghiera stessa, senza che io riuscissi a fermarmi.».
Prese a singhiozzare di nuovo, senza ribellarsi quando Zagato la avviluppò nel mantello.
«Non ho voluto. Credevo che bastasse sottintendere il mio amore in ogni cosa per tenerlo a freno. Ma avevo torto.»
«Anch’io ne avevo. Credevo fosse giusto lasciarti al tuo dovere, fino a che non ho cominciato a pregare perché la forza non ti mancasse mai. Non per sostenere Cephiro, ma per sostenere te stessa. Perché sorridessi almeno una volta. E temo non mi sia mai interessato altro.».
Ed era felice. Stavolta lo era davvero, e tutto Cephiro sfuggì al controllo della sua mente, in un turbine impazzito di uragani e maree incontrollabili, terremoti ed eruzioni.
«Hai idea di quel che succederà a questo mondo, Zagato?».
«Sì. E non mi importa.».
Emeraude si districò dal pesante mantello nero con cui lui l’aveva abbracciata, fissandolo con i grandi occhi azzurri traboccati di disperazione, affetto, orrore.
Nello sguardo di Zagato non vi era traccia di rabbia, né freddezza. Solo l’abituale tristezza, a cui, adesso, Emeraude sapeva dare un nome.
Scossa da un fremito, si voltò e prese ad allontanarsi.
Zagato non la fermò, ma, dopo che fu uscita, si incamminò di nuovo verso i giardini.
Pioveva ancora.

~*~

«Sei rimasto sui rami con questa pioggia?».
«Mh.».
Silenzio.
«Non riesco a non causarle dispiacere. E non riesco più a vederla dispiaciuta.».
«Allora porrò fine a questa tragedia.».

~*~

«Principessa Emeraude.».
Zagato si inchinò al suo cospetto, ai piedi dei gradini che lo separavano dal trono. Solo Emeraude, così avvezza alla sua vicinanza, lo trovò trafelato, inquieto, e il pensiero le fece, come al solito, più male di quel che avrebbe dovuto.
«Cosa vi è successo?».
«Lantis non si trova più a Cephiro.».
Non seppe perché quelle parole furono capaci di sconvolgerla così tanto. Forse perché rappresentavano la prova che nulla avrebbe mai potuto tornare come prima.
«Cosa…?».
«Cercheremo di rintracciarlo in ogni modo per riportarlo al vostro fianco.».
Il Sommo Sacerdote le scoccò un’occhiata addolorata.
Emeraude strinse le labbra, per poi indirizzargli poche parole.
«Confido in voi.».
Forse neppure prima le cose erano mai andate nel verso giusto.
Osservò Zagato ritirarsi, e le porte della sala chiudersi con un tonfo.
«Clef.».
Non aveva mai fatto caso a come l’eco fosse possente, fra quelle pareti.
«Ho deciso di invocare i Magic Knights.».

~*~

A/N 28 agosto 2007, ore 16:59. Che voi ci crediate o no, la prima parola che mi è venuta in mente per questa storia è stata davvero “clavicembalo”, a prescindere dal fatto che i clavicembali esistessero su Cephiro o meno X°DD. Beh, è una storia fatta di uhm… rimandi interni. La struttura mi è venuta in mente mentre la scrivevo, sono più o meno gli stessi frammenti che si allargano, e spero che non faccia troppa pena. Scritta con una scioltezza che non mi sarei mai aspettata, e, se proprio vogliamo darle un motivo, diamolo al fatto che ho rivisto Rayearth e che amo Zagato ed Emeraude da anni. XD. Credo che alla liz questa storia piaccia. ^__^. C’è qualcosa di incredibilmente coinciso nel modo in cui l’ho scritta. Uhm. Pronunciatevi anche voi èoé”.

Juuhachi Go.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!