[RG Veda] Wither away

Titolo: Wither away
Fandom: RG Veda
Personaggi: Souma, Kendappa-ou, Ten-ou
Parte: 1/1
Raccolta: Callas went away
Rating: G
Conteggio Parole: 100 per drabble (LibreOffice)
Note: omosessualità, spoiler sul finale del manga, su prompt di 30_tears

Wither away

15. spring
Ephemeral

Gandaraja danza attraverso un morbido strato di nuvole, nell’infuocato splendore dei raggi del sole, sospinta dalle capriole di un vento speziato di miele e fiori. Non è facile resistere, non per Souma, quando finalmente il castello poggia sulla vastità selvatica del prato. Dimenticando finanche la reverenza verso Kendappa-ou, la tira per mano scuotendo i suoi strascichi, verso il cielo spalancato su di loro; la regina lo saluta sorridendo.
«Guardate, mia signora, le rose!» esclama Souma, curva sulla fioritura scarlatta, di cui taglia qualche stelo robusto.
Ride, Kendappa-ou: piangerebbe, ma ha dimenticato come fare.
«Non sai che fanno presto ad appassire?».

16. summer
Forevermore

Si riversa sulla terra come una chioma bionda, il sole, come una testa che si sporge, incuriosita dai suoni meravigliosi che Kendappa-ou fa sgorgare dalle dita. Souma, lì accanto, sta stesa ad ascoltarla, immersa in un mare d’oro di ginestre. Ha lo sguardo incantato di una bambina – realizza la regina, voltandosi a spiarla -, e sorride impercettibilmente nell’abbandonarsi al delicato, serico nastro delle sue note. Quella serenità la compiace infinitamente.
«Vorrei non smetteste mai.» mormora Souma.
Kendappa-ou coglie nuovamente la commozione che le brilla nello sguardo.
«Un giorno tutto dovrà smettere.» risponde.
Ma questo non importa a nessuna, ora.

17. fall
Silence

Ha il colore della stagione, nelle sue lussuose vesti sanguigne. Si confonde nell’immenso tappeto di foglie di acero, ride nel vento che le sospinge loro sui visi. Souma l’abbraccia felice, benché quel rosso dilagante le ricordi Taishakuten e i suoi massacri – neanche quest’autunno sarà lieto. Un tempo era diverso: l’autunno risuonava di canti e risate, adesso solo la natura sussurra piano. Vorrebbe cambiare le cose; spera che Kendappa-ou l’appoggi. Lo dice: «Vorrei sradicare il mondo e—».
Lei adagia un dito sulle sue labbra, vento e foglie crepitano, nascondendole la voce incrinata.
«Va bene, questo mondo, finché ci sei tu.».

18. winter
Requiem

Ten-ou osserva la neve cadere. Le rovine di Zenmi-jou devono esserne piene: la foschia gli impedisce di scorgerle. Si chiede se il gelo abbia coagulato tutto: il sonno di Ashura e quello eterno di chi lo amava, il dolore di chi ancora lo attende e la pace di chi dorme nella morte che ha desiderato. Chissà – la domanda è scomoda – se Souma e Kendappa-ou sono come le ricorda, le teste reclinate l’una contro l’altra e le mani indissolubilmente avvinte, cristallizzate nell’atona serenità della morte, nel velo lieve del ghiaccio, insieme.
Con un piccolo gesto, il principe si asciuga una lacrima.

~

A/N 2 marzo 2008, ore 15:10. Scritte sì sull’onda emotiva di Bara wa utsukushiku chiru, ma sono state così limate per arrivare a cento parole (la prima era venuta di CENTOTRENTANOVE ç_________ç!) che mi ci sono praticamente esaurita su XD. Ho voluto improntare queste piccole cosine sulla caducità, sul fatto che la condizione di queste due minaccia di sfasciarsi da un momento all’altro (e Souma non ne sa niente), e che tutto può essere stabilizzato solo dalla morte (brutta cosa il Kendappismo). Anyway, dedicato a Shu, la mia commentatrice solitaria, e ad Harriet, perché solo dopo aver scritto mi sono ricordata che anche lei ha scritto drabble sulle quattro stagioni XD ç_ç.

Juuhachi Go.

PS: e ricordate… le rose appassiscono in bellezza! *lalalà* *saltella via canticchiando l’opening di Versailles No Bara*

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!