[Final Fantasy XII] Locked doors

Titolo: Locked doors
Fandom: Final Fantasy XII
Personaggi: Ashelia B’Nargin Dalmasca, Basch von Rosenburg, Rasler Heios Nabradia povero cornuto
Parte: 1/1
Rating: NC17
Conteggio Parole: 3490 (LibreOffice)
Note: nsfw, un poco di vouyerismo in chiave crack, scritta per il P0rn Fest #2 @
fanfic_italia

Locked doors
[Italian P0rn Fest @ fanfic_italia] Basch/Ashe – ius primae noctis

Ci siamo svegliati nel cuore della notte.
Non avevo osato toccarla, e lei non aveva osato toccare me – mi aveva visto spogliarmi e adagiarmi fra le lenzuola, ma si era limitata a una lunga, imbarazzata occhiata. Arrossendo, mi aveva chiesto di avvicinarmi per sfilarle la sottile camicina di batista, così, obbedendo, l’avevo stretta a me, la sua schiena contro il mio petto, la sua morbida pelle di ragazza contro la mia.
Voltandosi, Ashe mi aveva condotto a letto dandomi la mano.
Si era giusto accoccolata contro di me, sfiorandomi il petto con i capelli, assopendosi, quando abbiamo sentito bussare alla porta.
E ci siamo guardati.
Senza credere che qualcuno avrebbe potuto aver voglia di interrompere i progetti di continuazione dinastica proprio durante la nostra prima notte di nozze.
«A-Avanti…»
Era il capitano von Ronsenburg.
E ovviamente, noi due ci sbagliavamo.
L’abbiamo visto uscire dalla penombra con l’aria di un uomo che, piuttosto, avrebbe voluto essere fucilato.
«A-Altezza. Altezze Reali.» si è corretto, con un colpo di tosse.
«Sì?» l’ha esortato gelidamente Ashe, coprendosi con il lenzuolo.
«Ecco… io… io vorrei essere qui per rinnovare le mie più sentite felicitazioni, ma… beh, non sono qui per questo… purtroppo.»
Io l’ho guardato stupefatto, e Ashe con me.
«Di grazia, capitano, cosa è successo di tanto grave?» mi sono azzardato a domandare, solo per vederlo impallidire peggio di un morto.
«In teoria, nulla, milord, ma in pratica… come dire… ho ordini da parte di Sua Maestà, che… ecco… oh miei dèi, ma perché a me?»
«Capitano, siete un capitano o… o qualunque querula donnetta di palazzo?» si è spazientita mia moglie, incredula in merito a una tale mancanza di rispetto da parte di uno dei suoi uomini più fidati.
«In realtà preferirei esserlo, mia signora, soprattutto in questo momento,» ha balbettato lui, costernato «ma Sua Maestà ha richiesto stanotte il mio intervento proprio perché tale non mi ha reso la Natura, e… Che Galtea mi perdoni, Lady Ashe, ma temo di dover sostituire Lord Rasler per… per—».
«Per?» l’abbiamo esortato, orripilati, e mezzi consci della brutta stangata che ci stava per essere rivelata.
«… Per questioni, milady.»
«Questioni? Alle due del mattino?»
«Quelle questioni, Altezza.»
«Come sarebbe a dire, “quelle” questioni?!» sottolinea Ashe, con enfasi furibonda. Io non ne ho avuto la forza, e ho assistito all’exploit, impotente.
Basch ha sospirato. E si è seduto su una sedia.
«Si chiama ius primae noctis, Altezza.»
«Oh, per tutti gli dèi» ha sussurrato Ashe, raggelata.
Basch si è umettato le labbra.
«Oh, no, capitano… Insomma… Fuori dalle mie lenzuola.» si è opposta, con controllata rabbia.
«Mia cara, temo che il capitano abbia una già evidente difficoltà nell’esporre il problema… facciamo almeno lo sforzo di udire le sue parole…»
Giuro che non lo intendevo davvero.
«Sarei ben lieto di obbedire a Vostra Altezza, ma… beh, vostro padre… Ecco, ha dimenticato di informare voi – e me, temo – del fatto che il primo… ehm… approccio della futura regina è riservato, secondo l’usanza dalmasca… a un uomo che sia di Dalmasca.»
«Ma voi… voi siete di Landis, accidenti!»
«Spiegate anche questo a vostro padre!» si è lanciato lui, con sincera disperazione.
L’ho osservato con una certa compassione.
«Non avreste dovuto provvedere voi in persona?» ha indagato Ashe.
«L’ho fatto» ha replicato il capitano, mostrando la striscia rossa sul collo – il segno di una lama.
«Non si usava morire per Dalmasca, un tempo?» si è domandata lei, oltremodo sdegnata.
«Me lo sono chiesto anche io, milady…» ha sospirato lui, arreso «L’avrei fatto con piacere.»
«Beh, stando così le cose, mia cara,» ho farfugliato, recuperando il mio vestiario «ho il dovere di lasciarvi soli e di salvare la vita di un mio sottoposto, suppongo.»
Ashe mi ha scoccato un’occhiata sbalordita, a cui ho risposto con un pesante sospiro.
«Buonanotte, mia signora. E buonanotte, capitano.»
«Buonanotte, Lord Rasler…» ha mormorato lui, desolato.
Ed eccomi qui, ordunque.
La porta si è chiusa or ora, e un silenzio a dir poco cimiteriale è calato alle mie spalle.

*

Basch guarda la sua signora ostinatamente infagottata nel lenzuolo, girata su un fianco, e si sente peggio di un verme, mentre lei lo osserva dall’alto in basso con aria torva.
Con un sospiro combattuto, rimuove a fatica i pezzi dell’armatura e rimane con la sola cotta di maglia addosso, imbarazzato come se fosse nudo davanti a quell’esame.
«Bene.»
«Bene?!»
«Lady Ashe, me ne ricresce profondamente… Sapete bene che io non oserei anche solo guardarvi, figuriamoci questo» esala il capitano, e Ashe sente che è davvero affranto. Tuttavia, il cipiglio si acuisce.
«Potreste spiegarmi perché proprio voi, e non Vossler, che invece è dalmasco di nascita?»
«Beh…» Basch arrossisce profondamente. Ad Ashe non piacciono molto i giri di parole, e la rabbia deve aver estremizzato questa sua tendenza «Vossler non è stato ritenuto adatto a una signorina innocente, Altezza. Non metto in dubbio la sua eventuale perizia, ma… ecco… è di modi bruschi.»
«Beh, che dire… ringraziate mio padre, quando lo rivedrete…» considera la principessa, sputando sarcasmo. Basch si fa piccolo piccolo.
«Ora come ora, vi assicuro che desidererei solo un fulmine sulla testa…»
Ashe non gli risponde.
Il silenzio torna in scena.
«… Posso sedermi?»
Ashe esita, poi si scosta con aria seccata per fargli posto laddove il calore di Rasler impregna ancora le lenzuola. Prima di stendersi al suo fianco, Basch appoggia a terra le parti inferiori dell’armatura, poi adagia la testa sul cuscino, voltandosi verso di lei.
Com’è ovvio e sacrosanto, Ashe rimane freddamente indifferente.
«Io mi rifiuto.»
Basch la guarda con un sorriso triste, prima di prendere delicatamente la mano di lei nella sua.
«Vorrei avere la libertà di fare altrettanto…»
In cerca di qualcosa di velenoso con cui ribattere, Ashe resta immobile quando le labbra di Basch cominciano a tracciare il profilo delle sue dita. Basch non osa fissarla, ma avvolge piccoli baci sottili attorno alle nocche e al polso, salendo in una spirale fino al gomito.
Ashe non dice nulla, ancora scettica e infastidita dalla situazione in generale. Gli occhi di Basch si sollevano brevemente su di lei una volta sola, ma lei non li incrocia.
«È… è imbarazzante. Inammissibile» si lamenta, a bassa voce.
«Molto, mia signora, ve ne do ragione. Ma vi prometto che… che…» lui diventa praticamente bordeaux «cercherò di renderla un’esperienza piacevole almeno e soprattutto per voi.»
Ashe boccheggia per un attimo.
«Cosa si risponde in questi casi? “Grazie della gentilezza”?»
«Non conosco risposta, Altezza, ma, se così fosse, ringrazio voi per la pazienza…»
Lei accenna, suo malgrado, un sorriso.
Basch si rannicchia contro la testiera del letto, dove Ashe ha appoggiato la schiena nuda, e slaccia con cautela la cotta di maglia.
«La tolgo perché potrei graffiarvi.»
La lascia scivolare a terra e appoggia lentamente le labbra sulla lucida rotondità della sua spalla, due baci timorosi, in cui il respiro caldo di lui le sfiora la pelle, e Ashe lo guarda con aria quasi scandalizzata. Sotto il peso del suo sguardo, Basch si decide a ricambiarlo.
«Non farei mai nulla che potrebbe farvi male, milady.»
«Lo spero bene…» lo rimbecca Ashe cupamente, mentre lui, esitando, le sottrae dalla stretta delle dita il lenzuolo in cui si era serrata.
Sa che lei sta per silurarlo con un commento, e fa in modo di ucciderlo sul nascere.
«Temo potremmo avere delle difficoltà, con quello nel mezzo.»
«Oh. Beh. Sì. Naturale.»
Osserva con una certa circospezione le mani di Basch che si appoggiano sul suo ventre e la inducono a girarsi delicatamente sulla schiena.
Si sente infiammare dalla vergogna.
Lui tenta di sorridere, ma fallisce.
Allarga le mani sulla sua pelle, spiando la sua reazione. Ashe sembra – chiaramente – più in difficoltà di prima, ma adesso non abbassa lo sguardo per una questione di orgoglio.
Le mani di Basch sono diverse da quelle di Rasler.
Sono grandi, abbronzate. Ha maneggiato la spada per anni, sente la trama rasposa della sua pelle che si sfrega sulla sua con la massima attenzione, e rabbrividisce.
«Vi dà fastidio?»
La principessa scuote la testa.

*

Cosa esattamente potrebbe darle fastidio?
Deglutisco a vuoto. E se invece non gliene desse, di fastidio? Non so quale delle due ipotesi mi faccia più paura, mentre li sento borbottare scuse e rimproveri. Sono andati avanti così per circa mezz’ora, e comincio davvero a credere che Basch non l’avrà vinta molto facilmente.

*

Le circonda la vita per attirarla a sé e sale su di lei, le labbra che le sfiorano il collo e scendono in basso in una tiepida scia, le dita che le accarezzano un fianco e le ciocche bionde che scivolano contro la pallida morbidezza della pelle mentre Basch poggia un bacio sul suo ombelico. Ashe rabbrividisce di nuovo mentre le labbra di lui si rincorrono in un girotondo di baci lì intorno, una carezza gentile in cui, stavolta, chiude gli occhi per una frazione di secondo.
«Altezza?»
Le parole di Basch vibrano bollenti contro la pelle.
«Mh?» sospira Ashe, guardandolo con un’occhiata un po’ vacua.
«Va tutto bene?»
«Temo di sì.»
«È già qualcosa…» sospira Basch, sollevato.
«Non sospirate.»
«Uh?»
«Ecco, io… vi sento» brontola lei, impacciata.
«Prego?»
«Sulla pelle, sento il vostro respiro che… oh, accidenti, che mi fa il solletico.»
Con un’occhiata un po’ perplessa, Basch appoggia le mani sui suoi fianchi e risale la linea del suo ventre baciandolo, rosso di imbarazzo, rosso quanto lei, che ha sentito la lingua di lui fare capolino sulla pelle.
Vorrebbe dire qualcosa, ma tace perché si sente mortalmente stupida: Basch la accarezza e la sua pelle si infiamma, e la sua bocca sale, sale, il viso sempre contratto nello sforzo di non guardarla, ma le labbra si chiudono in piccoli morsi bagnati e caldi contro un seno, e Ashe si ritrova a sussultare di sorpresa, lasciando scivolare il capezzolo sulla punta della sua lingua.
Le sfugge un sospiro.
Basch si sente automaticamente obbligato a rivolgere gli occhi su di lei.
Intanto, là fuori, qualcuno muore.

*

Le porte sono spesse, d’accordo, ma l’ho sentita gemere debolmente, appena appena: nessuno parla più, adesso.
Qualcuno deve averla avuta vinta, e quel qualcuno temo di non essere io.

*

Il movimento fa in modo che le labbra del capitano si avvolgano involontariamente attorno al capezzolo di lei.
«B-Basch?»
È tentato di risponderle, ma, non appena si separa, soffia delicatamente e lo sente rigido sotto il palmo della mano. Ashe ha due occhi lucidi e liquidi su di lui.
Basch ci si specchia a lungo, rimirando le labbra arrossate e luccicanti di saliva. Con una consapevolezza tutta nuova, ripete gli stessi gesti sull’altro seno, insistendo con la punta della lingua su quel groviglio di nervi sensibili.
Ashe si preme contro di lui come se sia stata punta da un ago – questa volta è davvero un gemito di piacere.
L’aria le sfugge di bocca in un singhiozzo mentre la mano di lui passa sul suo corpo punteggiato di sudore – può sentire quasi l’attrito delle sue dita sulla pelle bagnata, e si accorge che anche la saldezza di Basch sta venendo meno, perché la assaggia con una lentezza quasi ubriaca, quelle dita che scivolano lungo i ghirigori biondi sul pube in un tocco leggero, quasi inesistente. Quando spingono appena contro la sua apertura, Ashe si inarca in una vaga manifestazione di panico e di voluttà.
«Questo non l’avevo previsto» sentenzia, senza fiato. Basch non sa se si riferisca allo stato in cui si trova davanti ai suoi occhi, oppure semplicemente al suo gesto di poco prima. Sorride con dolcezza, portandosi le dita alle labbra.
«Nemmeno io» e la sistema meglio fra le lenzuola. Ashe chiude gli occhi quando l’interno della sua gamba sfiora l’erezione che si tende sotto il cotone dei suoi indumenti intimi.
Sta per rilassarsi, quando le dita di lui affondano in lei – il suo corpo si tende di nuovo come una corda mentre si avviluppa docile e accaldato attorno al suo tocco, e ognuna di quelle piccole spinte evapora sulle labbra in un singulto.

*

Dio mio, Dalmasca è un Paese di libertini fondamentalisti. E nazionalisti.
La porta è chiusa – ancora – e io la sento mormorare fra le braccia di un altro, attraverso una lastra spessa un mucchio di centimetri. Non voglio sapere. O forse sì.
Forse no, convengo, guardando la stoffa del pigiama, dolorosamente tesa fra la gambe. È un dannato inferno. Da quando in qua la prima notte di nozze si vive singolarmente?! E perché i consigli di guerra non vengono indetti mai quando se ne sente il bisogno? C’è una guerra, per Galtea! Discutiamone!

*

«Oh.»
È una timida esclamazione di imbronciata vergogna, la sua, mentre Basch si ritrae con gentilezza da lei.
«E adesso?» domanda la principessa, ma la voce è meno fredda di quello che vorrebbe.
Due occhi azzurri, che prima di stanotte l’hanno sempre sbirciata con schivo rispetto, adesso la fissano con una franchezza che non smette di imbarazzarla, e che forse imbarazza anche lui, che si spoglia a testa china di quel che ha ancora addosso, per poi tornare a guardarla. Ashe vorrebbe distogliere lo sguardo – e il modo in cui Basch, paonazzo, nasconde per un attimo il proprio sotto le palpebre, per via di quel lungo indugiare su di lei, le dice che è così anche per lui.
«Adesso… beh, milady…»
Si interrompe a cercare le parole giuste, boccheggiando.
Ashe dischiude lentamente le labbra – vuole parlare, ma sa già che non lo farà, perché Basch non ha nulla con cui rispondere.
Si limita a un respiro, mentre le mani di lui le scivolano lungo i fianchi morbidi, stringendosi ai lati delle sue gambe.
«Non—» Ashe si interrompe, sopraffatta da un’ondata di desiderio e vergogna che le asciuga la gola «Non ci riuscirete mai, è… impossibile» decreta, constatando con inconfessabile stupore che Basch è terribilmente… dalmasco. In maniera oltremodo sconcertante.
Basch la fissa. Sembra che respirare gli costi fatica, mentre la aiuta a sistemare le gambe attorno al suo bacino. Ormai si sfiorano. Ad occhi chiusi, Ashe sente le braccia di lui allacciate dietro la schiena e la punta del suo sesso che la accarezza appena. Si irrigidisce, tenendo forte la presa sulle spalle sudate sotto le sue dita – la loro trama di solida roccia, affascinante e nervosa, è tesa sotto i palmi delle sue mani, e alla principessa viene voglia di non pensare: se così facesse, avrebbe voglia di seppellirsi viva, e invece, con sua somma disapprovazione, è lui che vuole.
«Sul mio onore, Lady Ashe. Cercherò di non farvi sentire alcun dolore. Voi ammorbidite i muscoli, altrimenti ci sarà ben poco che io potrò fare per voi.»
Il controllo della sua voce sa di stoffa tirata fino allo spasmo.
Ashe annuisce lentamente, inghiottendo la saliva senza emettere suono.
Con un movimento appena accennato, Basch si preme con la massima cautela dentro di lei, piano, respirando a fondo mentre Ashe si chiude attorno alla sua erezione. Un sibilo sfugge al controllo delle labbra di lei, mentre lui si azzarda a spingersi appena, pregando di non farle male,i denti serrati con forza, ed è allora che la sente – Ashe si contrae non appena lui arriva contro quella piccola, ostinata barriera di carne ancora frapposta fra di loro. Le bacia una spalla, i seni schiacciati contro il suo petto, e affonda dentro di lei con quanta più gentilezza possibile.
Gli risponde un piccolo lamento, e Basch trattiene il fiato, abbracciandola protettivo, premendola contro il suo petto mentre sprofonda in lei con una spinta misurata, una, due, tre volte, fino a che la principessa non serra forte le ginocchia contro le sue anche, e i suoi lievi gemiti di dolore si stemperano in piacere. Cerca di soffocarli fra i suoi capelli per non farsi udire, ma ai suoi si uniscono quelli di Basch mentre crollano insieme sul materasso, e le spinte si fanno cadenzate, vertiginose, come se lui non dovesse riemergere più da lei. Ashe continua ad aggrapparsi alle sue spalle, le ciocche bionde poggiate sugli occhi, e la sua voce accaldata e la sua lingua gli sfiorano l’orecchio in un ultimo, umido respiro. Solleva di nuovo i fianchi contro i suoi e lascia che venga dentro di lei, insieme a lei.

*

Il suono – ed è un suono forte, distinto, che filtra attraverso la porta – della sua voce che geme leggera, sotto il ritmo di un altro uomo, mi tramortisce come un colpo di clava sulla nuca.
«Ow» esalo, infatti, l’orecchio incollato al legno istoriato – magari ho sentito male.
Sì che ho sentito male: le voci sono di tutti e due.

*

Incapace anche solo di tributarle il dovuto rispetto alzandosi da lei e sparendo alla velocità della luce, rimane con la testa sul suo seno, il cuore che pulsa violentemente contro di esso, mentre inala il suo stesso odore da quella pelle ancora rorida di sudore.
Ashe si sente stordita e vuota: non gli dice nulla, e rimangono così, senza muoversi. Quando tentano, la principessa sente una minuscola fitta fra le gambe.
D’istinto, Basch la afferra.
«State bene?»
«Sì.»
La guarda, guarda le guance rosse e la pelle d’oca, le labbra bruciate dalla saliva e il lembo di lenzuolo che la copre appena – ha ancora il loro piacere fra le gambe.
«Vi ho fatto molto male?»
«No, siete stato gentile. Irreprensibile.»
Lo dice senza il sorriso – del resto non è abituata.
Basch, incantato, stavolta si sporge sulla sua bocca.
«Posso baciarvi, milady?»
Non è da lui. Non è da lui nulla di tutto questo.
Ashe tentenna: un bacio ha tutto un altro significato e un altro sapore – il loro, a giudicare da quel che hanno fatto finora – eppure le sue labbra non glielo negano, gli permettono di accarezzarle e suggerle la lingua con quell’ardente gentilezza che stavolta la scombussola tutta.
Si sfrega contro di lui, lo sente di nuovo duro contro la pelle nel giro di qualche minuto, e si morde l’interno della bocca a sangue: stavolta Rasler non deve sentirli davvero.

*

Ora sì, che le tributa il dovuto rispetto, balzando alla velocità della luce nei frammenti della sua armatura. Ashe non parla e non gli apre la porta, ma un passaggio nascosto fra i drappi dietro al letto. Le mani li raschiano, in preda a un’agitazione senza nome, mentre i loro sguardi fanno a gara per sfuggirsi reciprocamente. L’unica cosa che manca, si accorge Ashe, la camicia da notte malamente gettata addosso senza alcuna biancheria al disotto – è come se fosse ancora nuda davanti a lui – è solo il respiro. Il suo petto lo spinge fuori e lei non lo sente uscire, quasi come se si concentrasse tutto nel suo cuore in un unico, greve blocco. Basch la sta guardando senza azzardarsi a fiatare. Non c’è niente da dire, solo qualcosa per cui chiederle scusa.
Il pensiero sembra tirare un filo fra i suoi capelli – Ashe si volta a guardarlo, Basch socchiude le labbra e le serra di nuovo.
Nessuno parlerà.
A fatica, la principessa scoperchia il fondo nero del passaggio. Avvicinandosi, il capitano ne scavalca il bordo con le ginocchia e comincia a calarsi lungo la fredda strettoia di pietra, la mano che tocca appena quella di lei mentre scivola ad aggrapparsi al bordo interno del cunicolo. Forse è un contatto più scomodo di tutti gli altri.
Si guardano di nuovo, senza scampo.
«Buonanotte, milady.»
«Buonanotte, Basch» mormora Ashe nell’antica ombra del tunnel, prima che Basch ne venga inghiottito.
Chiude il pertugio con le mani che si imbrogliano fra loro, per poi fissare il letto disfatto e sporco.
Strizza le palpebre – può vedere il colore del peso che galleggia sul suo cuore.
Corre in bagno, apre l’acqua in un fruscio di bolle guizzanti, rovescia profumi e saponi, poi si precipita al limitare del materasso, sradicando sfilando tirando lenzuola come se fossero vecchie radici. Le getta di lato, si infila negli armadi con rapidità, e le sue dita disseppelliscono lenzuola federe coperte e copriletti bianchi lindi puliti freschi.
Come Rasler.
Si sfila il pezzo di batista che ha addosso per poi marciare nella vasca da bagno – l’acqua è calda e pulita, la abbraccia in un luccichio di schiuma odorosa, e la principessa sfrega via gli odori e le tracce dalla pelle – le carezze lente e delicate le sembrano le sue, però – si sciacqua e si avvolge in una veste immacolata, infilandosi in fretta la biancheria nuova.
Apre la finestra, lasciando entrare l’aria del giardino, e inspira a fondo.
Sa dell’odore giusto, finalmente, quello tenero e innocente di una giovane sposa.
Apre la porta.
Rasler sbuca all’interno. La fissa intensamente senza proferire parola, poi si guarda intorno e sgrana gli occhi azzurri.
«Non c’è più nessuno?» si stupisce, un timido sollievo teso in quel punto interrogativo.
Ashe scuote la testa – sulle sue labbra aleggia un sorriso colpevole.
«No, solo noi due» mormora, attirandolo in un abbraccio, facendo un passo indietro fra le lenzuola fresche di bucato.
Solo noi due, amore mio, per tutta la vita – sembra una preghiera.
Chissà se un po’ di profumo è rimasto, si chiede, respirando fra le trine immacolate del cuscino.

~

A/N 8 gennaio 2009, ore 1:25. Ok, non dovrei essere qui perché è tardissimo, ma sono qui perché questa fic l’ha tirata per le lunghe. Il prompt è mio – lampo di genio dell’altroieri notte in DUE secondi – mentre il titolo è by lisachan. Non avrei mai pensato che sarebbe venuta tanto lunga, ma eccola °___°, una lemon SERIA *^*, lol e assurda che cerca di essere, se non canon, almeno IC nei limiti delle sue possibilità. E io l’adoro *^* perché è stupida, ed è tutta tutta per liz. Io AMO il P0rn Fest. ♥.

Scappo è_é,

Juuhachi Go.

Edit / 18:56. Ampliato il finale in maniera quantomeno decente XD.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!