[Final Fantasy XII] Bound and restricted

Titolo: Bound and restricted
Fandom: Final Fantasy XII
Personaggi: Basch von Rosenburg, Noah von Rosenburg
Parte: 1/1
Rating: NC17
Conteggio Parole: 325 (LibreOffice)
Note: omosessualità, nsfw, incesto

Bound and restricted

Si rende conto solo ora che il problema non stava tanto nella risposta, quanto piuttosto nella domanda, ecco.
Perché non mi hai ucciso, Noah? E Noah comincia davvero a sospettare che sia per questo, che non l’ha ucciso, perché adesso si sta quasi facendo male contro le sbarre, per baciargli le labbra con forza, e lo sente che risponde per disperazione – non tocca niente che non sia se stesso da molto più tempo di quanto a Noah faccia piacere rammentargli – e perché ha ancora le mani fisse sopra la testa nei ganci costrittivi e arrugginiti che gli tagliano i polsi, il che significa che non può muovere niente a parte i denti per mordergli la lingua, se davvero volesse.
Ma Basch non vuole, perché, se avesse voluto, lo avrebbe già fatto, e gli avrebbe tranciato la lingua di netto.
Basch non ci prova, e questo gli manda una scarica di eccitazione che gli brucia tutto il corpo – Basch non è che l’ombra di Basch, adesso, ma Noah se lo sente addosso in ogni sogno qualunque cosa sia, sempre, il che è un motivo più che legittimo per far scivolare una mano oltre le sbarre e artigliargli i fianchi per schiacciarlo forte contro la parete della gabbia e sentirlo che si lamenta per qualcosa che non è dolore e forse non è neppure piacere.
«Spero che ti basti, come risposta» sussurra, quando riesce a trovare la saldezza che serve per staccarsi dalle sue labbra senza dare l’impressione di volerci rimanere aggrappato.
Senza nemmeno curarsi della reazione di Basch, Noah gira i tacchi in un suono metallico. Il mantello si gonfia nell’aria stantia della gabbia, e l’emblema d’Archadia – un ricamo rosso su quel fondo nero – ricorda a Basch la mappa delle stesse cicatrici che suo fratello e i suoi carnefici gli hanno scavato dietro la schiena.
Noah sospira, chiudendo il portone.
La risposta l’ha sempre saputa, lui, e adesso gli sembra molto meno che abbastanza.

~

A/N 17 luglio 2009, ore 1:35. L’uomo prompta manette e a me vengono in mente kink che mi portavo dietro da secoli e che cercavo di dimenticare XDDDDDD… Alla liz, con amore ♥.

Juuhachi Go.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!