[Tokyo Babylon/X] There goes gravity

Titolo: There goes gravity
Fandom: Tokyo Babylon, X
Personaggi: Subaru Sumeragi, Seishiro Sakurazuka
Parte: 1/1
Rating: PG
Parole: 100 (Word 2016)
Note: omosessualità e che ci fate qua se vi triggera, vivaddio?!, angst, spoiler generici sul finale di TYOB, per We are out for prompt; Seishiro/Subaru, un abbraccio sincero, un bacio voluto; libro/tramonto

Subaru tiene il segno col pollice fra le pagine del libro di sutra, spampanate ed ingiallite come un vecchio fiore. Entra e trova la lampada dell’ingresso accesa contro la luce del tramonto appena illividita. Sorride: sente Seishiro spadellare in cucina, così, abbandonati libro e crucci sul divano liso, lo raggiunge per abbracciarlo, premendoglisi contro la giacca del completo.
«Bentornato» ridacchia lui – la risposta di Subaru s’infrange morbida sulla sua bocca–
E si riscuote di soprassalto, il sogno sul cuore come la capsula pesante di un cancro.
Stanotte non dormirà più, si dice, cuocendo di pena nel gelo del proprio sudore.

[12/06/2019, 15:22. Lo sapevamo tutti che avrei ricominciato a piccoli, minuscoli passi con un po’ di Seishiro/Subaru centellinato in drabble. Mi aspettavo anche di aver perso la mano, ma mi aspettavo meno il ricominciare a drabblare per merito di un’iniziativa a prompt su Facebook, che ritengo il male incarnato per quel che concerne il fandom. Go figure. Il titolo viene da Lose Yourself di Eminem. Ju~]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Credits & Disclaimer

Layout e contenuti © Juuhachi Go 2004-2019; Seishiro e Subaru © CLAMP; brushes & textures © 77words, Ewanism & Cryingforest.net, che pare sia ormai inattivo. Love is Blindness e relativo testo sono © U2 e aventi diritto. Dusk Shard nella sua versione definitiva (si spera *cough*) è reso possibile da Wordpress e, per quanto riguarda il suo scheletro tematico, Underscores. Tuttavia, il vero ringraziamento va a Mrbalkanophile che ha fornito il mio piccolo archivio di alcuni snippet deliziosi per farvelo fruire meglio, e che, SOPRATTUTTO, sopporta con infinita pazienza i miei scleri e i miei pasticci. E grazie a tutti voi, per essere ancora qui a sorbirmi!